Sun68
Tutta la strategia digital possibile

Uno degli scatti della campagna ADV
ph. Alessandro Belussi

SUN68 e il digitale

Quando abbiamo iniziato a lavorare per SUN68, nel 2011, il brand di abbigliamento non aveva nessuna presenza online - a parte l’ecommerce.

Simona, marketing manager dell’azienda, sentiva in modo forte l’esigenza di utilizzare il digitale. Il motto di SUN68 è "Unconventional clothes for everyday situations": il brand vuole accompagnare il consumatore nelle situazioni speciali di tutti i giorni."Dovremmo aprire una pagina Facebook?", era la richiesta dell’azienda. In effetti, alcuni store di SUN68 avevano già aperto dei gruppi e delle pagine su Facebook per comunicare promozioni e saldi.

Una strategia differente: niente facebook

Siamo partiti da una considerazione: Facebook è una piattaforma costosa e avida di risorse. Non è sempre adeguata per le Medie imprese. Per questo abbiamo inizialmente suggerito a SUN68 di non aprire la pagina Facebook e di puntare tutto su Instagram.

Effettivamente lo sforzo di comunicazione su Instagram ha dato dei risultati, anche grazie ai contenuti visivi dell’azienda: Instagram è diventato il principale canale di branding di SUN68 e, ancora oggi, è un pezzo fondamentale della comunicazione dell’azienda.

Alla fine, abbiamo aperto Facebook solamente nel 2016, quando è stato possibile costruire un piano che comprendesse contenuti di alta qualità e un investimento media corrispondente.

A sinistra: Il profilo instagram ufficiale di SUN68.
A Destra: la lista di account di tutti gli store SUN68.

Da Store a Social Store

"Oggi una ragazza è venuta in ufficio e mi ha chiesto se avessimo ancora il vestito che aveva visto su Instagram"
@sun68jesolo
"WhatsApp funziona per mandare aggiornamenti ai clienti, quando arrivano i nuovi capi in store"
@sun68milano
"Oggi una cliente è venuta in negozio, perché ci aveva visto su Instagram. Ha preso tre paia di sneakers"
@sun68milano

Gli store manager ci chiedevano con insistenza supporto per attirare persone in negozio e per creare una community locale. Abbiamo capito che questa energia andava raccolta e incentivata, invece che limitata.

Abbiamo attivato un programma sperimentale chiamato "Social store", molto semplice: attraverso community private, chat e formazione alla rete, siamo riusciti a far comunicare correttamente ogni singolo negoziante.

Parallelamente, abbiamo aperto degli account Instagram locali, con rigide guideline grafiche (e un tool per generare immagini che seguissero fedelmente l’identità del marchio): i primi sono stati @sun68jesolo, @sun68milano e @sun68brescia. Gli store manager sono stati entusiasti dell’idea e hanno iniziato subito a usare gli account, con dei risultati incredibili.

Oggi, tutti i 18 negozi di SUN68 hanno un profilo Instagram e usano WhatsApp i cui account raccolgono un pubblico che raggiunge le 200 mila unità.

Oltretutto, sono in grado di attivare veramente i clienti e portarli in store: siamo in grado di misurare, in modo reale, il ROI di questa iniziativa.

Celebrare!

Per i 10 anni dell’azienda, abbiamo sviluppato e lanciato un’app mobile molto semplice: un gratta e vinci social. Ogni giorno gli utenti potevano grattare lo schermo e scoprire se avevano vinto un prodotto. Se non avevano avuto fortuna, in modo molto semplice, potevano fare uno share sui social e giocare di nuovo.

Nel corso di un anno abbiamo regalato 730 capi di abbigliamento e abbiamo ottenuto circa un milione di giocate.

La pagina di everydaylife dedicata agli articoli sulla città di Jesolo.
Visita everydaylife.it

Dalle digital PR al content marketing: Everydaylife.it

Vuoi sapere dove fare colazione a Milano, stamattina? Ci sono decine di blog che ti consigliano il locale perfetto. Vuoi sapere i posti migliori dove fare colazione a Udine? Questa domanda è molto più difficile.

Ci siamo resi conto che non esistono guide turistiche, ben fatte, che accompagnano l’utente alla scoperta di luoghi incredibili nelle città più piccole. Per questo è nato Everydaylife.it: il primo branded magazine che ci guida alla scoperta quotidiana degli angoli eccezionali delle città italiane, soprattutto di quelle meno turistiche.

Abbiamo radunato una redazione di una trentina di micro-influencer, e abbiamo chiesto loro di raccontarci le loro città. L’output è una guida incredibile, viva, movimentata, di tutto quello che succede in Italia.

Social content production

Ci siamo accorti che i contenuti di lookbook erano pochi, rispetto al fabbisogno di Instagram e di Facebook.

Abbiamo deciso di creare degli shooting ad hoc, che fossero pensati con il pubblico dei social in mente. Ha funzionato: le immagini scattate da noi hanno una performance pubblicitaria quattro volte superiore agli altri contenuti.